Castelluccio di Norcia

2 07 2011

Un giro tra Lazio Umbria e Marche.

Partenza da Calvi dell’ Umbria, l’ appuntamento con gli altri è alle terme di Cotilia (subito dopo Rieti) intorno alle 10. L’ idea è quella di percorrere un anello guidando sulla Salaria fino a Forca Canapine, poi castelluccio di Norcia, Visso e ritorno via Valnerina e poi Flaminia.

La giornata è afosa, già alle 9 il casco e le protezioni sono insopportabili. Decido che per raggiungere Rieti passerò dal valico di Fontecerro (838 m slm). Il confine con il Lazio (foto sotto) è a circa 25 km che percorro con calma

Giunto all’ inizio del valico supero l’ Eremo di di San Cataldo (foto sotto) e inizio a salire

Supero la cima e proseguo verso Rieti

Alle terme di Cotilia non si vede nessuno e proseguo da solo, gli altri mi raggiungeranno più avanti.

Giungo allo svincolo per forca Canapine che gli altri ancora non si vedono, non mi va di aspettare e proseguo

La strada è degna di nota, peccato per i pochi cavalli del TTR..

Mi fermo a una piazzola per spandere acqua e mentre sono impegnato sento dei rombi in lontananza. Finalmente sono arrivati, così veloci che qualcuno con il 1200 da coatto si ferma 50m oltre la piazzola

Finalmente insieme si prosegue. Insieme per modo di dire visto che con la mia 40ina di cavalli resto sempre indietro. Almeno, una volta giunto nei dintorni di Castelluccio di Norcia, mi godo i paesaggi dei Sibillini a circa 60/70 km/h.

Sul più bello la catena mi lascia. Chiamo gli altri ma stanno facendo il GP e non sentono i cell. Quando si accorgono che c’è un disperso sono già 30 km più in là. Una staffetta mi tornerà e prendere e tornerò a calvi da passeggero sul biemme k1200. Una vera poltrona.